martedì 16 settembre 2014
07.08.2012 - G.P.

Isolabona: atto goliardico davanti al Municipio? Scattano le denunce

Quello che molti hanno definito un scherzo di cattivo gusto, per i Carabinieri di Dolceacqua invece si è trasformato in una indagine lampo, che ha portato il deferimento di tre cittadini di Isolabona all’Autorità Giudiziaria. Il reato loro contestato, è abbastanza grave: danneggiamento aggravato (art. 635 c.2 C.P.) ed imbrattamento del suolo pubblico (art. 639 C.P.). La vicenda serve anche a sottolineare che le scelte di una Giunta, eletta democraticamente, vanno rispettate, proprio perché rappresentano le volontà delle persone che si sono recate alle urne e che hanno eletto quello schieramento politico. In democrazia, i modi per dissentire sono altri e di certo, questo gesto, non vi rientra.

Atto goliardico ad Isolabona? Tutti ricorderanno il WC rinvenuto nella mattina di sabato scorso davanti al Comune di Isolabona, nella valle Nervia. Uno scempio inaccettabile per tutta la società civile, certamente da condannare non solo per la maleducazione e diseducazione civica dimostrata dagli autori, che si dono anche premurati di cementare “la tazza” dinanzi all’ingresso del Municipio, ma, soprattutto, perché l’episodio rovina l’immagine di un paese conosciuto ovunque per la bellezza del suo centro storico e per le antiche tradizioni locali sia artistiche che gastronomiche.

Quella dei Carabinieri della Stazione di Dolceacqua è stata un’indagine lampo. E’ bastata la loro fondamentale conoscenza del territorio e degli abitanti del comune della valle, per riuscire ad identificare gli autori dell’insano gesto, tutti reo confessi. E’ così che, da quello che è nato come un semplice atto goliardico, ne è poi scaturita una denuncia per danneggiamento aggravato ed imbrattamento del suolo pubblico, reati gravi che devono far riflettere tutti coloro che si sentono autorizzati a “fare scherzi” senza pensare alle pesanti conseguenze che scaturiscono dal nostro codice penale.

Tutto tra l’altro è nato dal disappunto per dei verbali ricevuti dai Vigili Urbani per aver violato una zona a traffico limitato voluta dall’attuale giunta. Non rappresenta certo questo il modo di esprimere la propria contrarietà a quelle che sono le legittime scelte di governo da parte di chi è stato eletto democraticamente dalla cittadinanza per fare gli interessi di tutta la collettività.

E’ così che è scattato il deferimento dei tre cittadini di Isolabona all’Autorità Giudiziaria, per cui ora, stante la loro matura età, dovranno dare conto delle proprio azioni al Tribunale di Sanremo.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo