lunedì 27 maggio 2019
15.01.2013 - REDAZIONE

Commercio: presentato in Regione un "piano" in grado di rilanciare la competitività

Nella programmazione prevista la necessità di contemperare sviluppo e competitività con sostenibilità ambientale. Di seguito la normativa posta sui vincoli, le dimensioni dei locali e le tipologie distributive.

Al via in Regione Liguria  il nuovo piano della nuova programmazione commerciale che sostituisce quello varato nel 2007, dopo le direttive Ue e nazionali, con tutte le novità sui vincoli, le dimensioni delle strutture, le tipologie distributive e gli indici di sostenibilità socio-economica.

Il piano è stato presentato, nel pomeriggio, dall’assessore al Commercio della Regione Liguria Renzo Guccinelli insieme con il segretario generale di Unioncamere Liguria Maurizio Scajola che ha reso noti i dati dell’Osservatorio del Commercio.

La Regione Liguria è la seconda regione italiana, dopo la Toscana, ad aver approvato, a fine anno, all’unanimità in Consiglio Regionale, la nuova programmazione commerciale e gli adeguamenti normativi al Testo unico in materia di commercio del 2007.

La modifica si è resa necessaria  dopo i vari interventi normativi comunitari, a cominciare dalla Direttiva Bolkestein sulla libera concorrenza dei servizi e delle numerose normative statali. In linea con le liberalizzazioni sono state  semplificate molte attività  attraverso semplici comunicazioni e senza necessità di autorizzazioni. La nuova programmazione prevede, infatti, grandi possibilità di ampliamenti, accorpamenti, trasferimenti delle strutture commerciali esistenti senza più alcun vincolo quantistico e numerico, la liberalizzazione degli orari, nuove norme sugli outlet e i temporary shop.

La nuova programmazione commerciale della Regione Liguria poggia sull’innovazione e la qualità del complesso dell’offerta. Nel provvedimento è stato elaborato un sistema  di regole che ha come unica matrice la sostenibilità ambientale. Tenendo conto della necessità di contemperare il rispetto del principio della libera concorrenza e libero mercato con  le esigenze del cittadino-consumatore che deve avere un’offerta commerciale adeguata. Regole  che dovranno favorire un equilibrato sviluppo delle diverse tipologie distributive nel rispetto del territorio  e valorizzare la funzione del commercio dei degli esercizi di piccole, medie e grandi dimensioni per riqualificare il tessuto urbano e i quartieri degradati.

Per le strutture di vendita di rilevanti dimensioni sono stati fissati requisiti qualitativi e di prestazione generali e obbligatori. Specifici obblighi anche per le grandi strutture di vendita compresi i centri commerciali che potranno insediarsi  esclusivamente in aree con una specifica destinazione d’uso. I criteri non riguardano però i parametri urbanistici che devono essere comunque osservati dagli esercizi commerciali (raccordi viari, parcheggi ecc).

Fra i vari requisiti previsti dal piano, le medie strutture di vendita dovranno avere una classificazione energetica, produrre energia termica da fonti rinnovabili senza emissioni in atmosfera, limitare la produzione dei rifiuti e dotarsi di aree per la raccolta differenziata.

Le medie strutture di vendita non potranno superare i millecinquecento metri quadrati di superficie. Un limite uguale in tutta la Liguria, indipendentemente dagli abitanti dei comuni.

Alle grandi strutture di vendita si chiede inoltre l’installazione di protezione dall’inquinamento di polveri, il controllo degli effetti acustici dentro e fuori la struttura,  la raccolta delle acque piovane, spazi per l’accoglienza del cliente e aree attrezzate per i bambini.

Il nuovo piano commerciale della Regione Liguria  dà ai comuni la possibilità di prevedere requisiti qualitativi e di prestazione facoltativi, con convenzioni  per favorire le assunzioni di lavoratori  in cassa integrazione o mobilità, l’adozione di sistemi per acquisti telematici, la raccolta dei prodotti alimentari invenduti da parte del volontariato, la condivisione degli orari di apertura e chiusura con il territorio.

Per incentivare il ritorno della popolazione dalla periferia alla città, nella nuova programmazione commerciale è prevista la possibilità che nei centri storici e nei centri storici commerciali e in particolari aree limitate possono essere stipulati patti d’area o contratti di quartiere tra regione Liguria, Comune, Camere di Commercio, associazioni di categoria del commercio, consorzi di imprese, proprietari di immobili per sostenere una forte riqualificazione commerciale.

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo