venerdì 21 settembre 2018
17.04.2012 - ALESSANDRO GIACOBBE

Dolceacqua: aperti al pubblico i restauri in San Sebastiano e San Bernardo.

L'appuntamento è per Domenica 22 Aprile alle ore 15.00 nell'Oratorio di San Sebastiano in Dolceacqua.

Domenica d’eccezione per la Cultura della val Nervia e non solo. In occasione della XIV Settimana della Cultura, l’Ufficio Arte Sacra della Diocesi di Ventimiglia-San Remo presenterà i restauri condotti recentemente su alcune opere del patrimonio storico artistico di Dolceacqua, sia nell’Oratorio di San Sebastiano che nella cappella campestre di San Bernardo.

L’evento è stato realizzato in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Liguria- che ha diretto gli interventi supportandone le spese -, la Parrocchia Sant’Antonio Abate, il Comune di Dolceacqua, e l’Associazione Culturale Ricreativa di Dolceacqua.

Dopo il saluto  del Sindaco Fulvio Gazzola e di Mons. Umberto Toffani, Vicario Generale della Diocesi, il parroco Don Alessio Antonelli introdurrà l’intervento di Francesca De Cupis, funzionario di zona della  Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Liguria e direttore dei restauri, ed i tecnici Riccardo Bonifacio e Gianni Ziglioli, restauratore della SBSAE Liguria, che ha operato sugli affreschi della cappella di San Bernardo.

L’Oratorio di San Sebastiano si trova a poca distanza dalla piazza Garibaldi, posta lungo la via principale del paese. L’edificio è ancora oggi sede della confraternita omonima, che anima la processione nel giorno del santo, portando per le vie del paese la statua di San Sebastiano ed il caratteristico alloro decorato da ostie colorate. All’ interno dell’edificio sacro si trovano, tra gli altri, anche i dipinti che saranno oggetto della presentazione. Questi raffigurano San Sebastiano, San Carlo Borromeo ed un curioso ex voto della famiglia Doria . Le tele , unitamente a quella con l’effigie della Pietà, esposta in parrocchiale, sono state restaurate dal Laboratorio Riccardo Bonifacio di Bussanna, Sanremo.

Gli affreschi di San Bernardo rappresentano una testimonianza di primario interesse, ad oggi ancora poco conosciuta, della cultura figurativa che caratterizzò la capitale della signoria dei Doria tra Quattrocento e Cinquecento. L’intervento condotto da Gianni Ziglioli è stato finanziato dal Ministero, con la partecipazione della parrocchia relativamente alla manutenzione straordinaria del tetto della cappella. Dopo la presentazione nell’oratorio, sarà possibile raggiungere San Bernardo percorrendo a piedi per circa 20 minuti un sentiero appositamente segnalato. Va ricordato che l’abile Ziglioli è un veterano dei restauri relativi a dipinti murali in siti raggiungibili con relativa difficoltà. Si ricorda ancora il suo magistrale recupero di una Madonna del Latte e Santi del XV secolo effigiata nella cappella campestre, anche questa volta di San Bernardo, in quel di Cenova, valle di Rezzo.

Allegati:

 

Files:
BENI ARTISTICI DOLCEACQUA 4237 K
BN59-01091A-02Ita2.3 M

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo